Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Patrizia Catellani

Mente-ed-economiaCatellani, P., Alberici, A.I. e Milesi, P. (2008).
In A. Antonietti e D. Balconi (a cura di),
Mente ed economia. Come psicologia e neuroscienze spiegano il comportamento economico.
Il Mulino, Bologna.
pp. 209-224

ISBN: 978-88-15-12173-8

La situazione economica dell’Italia è un argomento che ha monopolizzato l’attenzione degli italiani nel corso della campagna elettorale del 2006. Nel mese precedente le elezioni politiche, circa il 40% degli italiani riteneva l’aumento del costo della vita, il rilancio dell’economia e la disoccupazione tra i problemi più importanti del paese. Nello stesso periodo, inoltre, circa tre quarti degli italiani considerava la situazione economica dell’Italia peggiorata rispetto agli ultimi anni. Il capitolo presenta i risultati preliminari di una ricerca volta a indagare il modo in cui gli elettori hanno ragionato sulla situazione economica, e quali tipi di ragionamento si associano alla successiva decisione di votare per la coalizione di centro-destra piuttosto che per la coalizione di centro-sinistra. Ha partecipato alla ricerca un campione rappresentativo di italiani (n=1285) contattati nell’ambito del progetto Itanes 2006, un’ampia indagine condotta prima e dopo le elezioni politiche del 9-10 aprile 2006. Ai partecipanti è stato chiesto di completare frasi controfattuali del tipo: “Oggi la situazione economica del nostro paese sarebbe migliore se…”. I risultati indicano che il tema di cui i partecipanti parlano di più in assoluto è l’euro. Per quanto riguarda l’associazione con la successiva scelta di voto, gli elettori di centrodestra mettono in discussione la presenza dell’euro e/o la sua stessa introduzione e si soffermano sul tema del terrorismo ben più frequentemente di quelli del centro-sinistra. Nel complesso, i risultati suggeriscono che alcuni temi politici rivestono in sé una valenza attributiva: alcuni temi contribuiscono a “scagionare” il governo in carica per il cattivo andamento dell’economia poiché si riferiscono a eventi o a situazioni avvenute prima dell’ascesa al potere dello stesso governo oppure accaduti indipendentemente dalla sua azione.


editore-32Vai al sito dell'editore